In posizione dominante rispetto all’abitato e al comprensorio di Sauze d’Oulx, già sede delle gare di Freestyle delle Olimpiadi di Torino 2006, lo Chalet Il Capricorno sorge all’interno del carosello sciistico della Via Lattea (320 km di piste) .

Lo sci alpino vanta una lunga familiarità con Sauze d’Oulx. E’ su questi declivi che, all’inizio del Novecento, lo svizzero Adolf Kind, dopo i primi esperimenti nei Parchi torinese del Valentino e sui monti di Giaveno, introdusse questo nuovo sport, avviando nel febbraio del 1906 il primo corso di sci, diretto dal norvegese Harald Smith.

Oggi, grazie anche allo sci, i mille abitanti di Sauze d’Oulx, in inverno, lievitano sino a venticinquemila presenze, provenienti da tutta Europa e in particolare dalla Gran Bretagna, con una piccola comunità ormai più che affezionata.